Migliori ETF immobiliari [REITs] globali, europa, USA e Asia con dividendi

etf immobiliare
Lista, quotazioni, analisi e confronto dei migliori ETF immobiliari (REIT) quotati su Borsa Italiana e relativi ai mercati: Globale, USA, Europa e Asia

Stai cercando i migliori ETF immobiliari per investire in maniera diversificata nel settore del Real Estate, magari attraverso strumenti economici e che ti permettono di ricevere dividendi periodicamente? Allora sei nel posto giusto! In questo articolo, infatti, vedremo quali sono gli ETF REIT più interessanti sia per quanto riguarda il mercato globale, che quello americano, europeo e asiatico.

Per cominciare faremo un’introduzione sugli ETF REIT per capire cosa sono, come funzionano e quali sono i loro vantaggi, poi passeremo alla lista dei migliori 5 quotati su diverse borse, tra cui la Borsa Italiana di Milano, analizzandoli in seguito uno ad uno, fornendo le informazioni più rilevanti e presentandone i principali dati, inoltre per ogni ETF metteremo a disposizione un grafico che mostra l’andamento e la quotazione in tempo reale.

Continueremo confrontando gli ETF Real Estate migliori, mettendo in risalto le caratteristiche più importanti per valutare la scelta di un fondo piuttosto che un altro, vedremo quali sono i broker su cui acquistarli e risponderemo alle principali domande inerenti al mondo dei REITs, così da fugare ogni tuo dubbio in merito.

Broker ETF consigliati

✔️ 200 ETF senza fees*

✔️ ETF italiani e mondiali

✔️ +1500 ETF mondiali

✔️ Ampia selezione di ETF

✔️ Sostituto d'imposta

✔️ Nuove azioni prezzo IPO

✔️ No costi di tenuta conto

✔️ PAC automatici

✔️ Conto deposito al 3%

Investire comporta rischi di perdite

*Si applicano condizioni

Investire comporta rischi di perdite

Il 70,82% dei conti CFD perde denaro

Investire comporta rischi di perdite

L'acquisto di nuove azioni al prezzo IPO ha restrizioni

Cosa sono e come funzionano gli ETF REIT

Gli ETF REIT sono dei fondi quotati in borsa che al loro interno contengono un paniere diversificato di titoli azionari che a loro volta sono impegnati nel settore immobiliare, società che ad esempio si occupano di mutui ipotecari o dell’acquisto di strutture di vario genere al fine di rivenderle ottenendo un capital gain o di affittarle per incassare delle mensilità, che verranno pagate sotto forma di dividendo al gestore del fondo e che a sua volta riverserà (una parte) nelle tasche degli investitori.

All’interno degli ETF REITs si possono trovare aziende di vario genere, quelle che investono in immobili residenziali, in strutture ospedaliere, ricettive e molte altre sottocategorie di immobili e possono farlo in diversi Paesi del mondo. Un ETF immobiliare, in quanto tale, deve però sottostare a diverse regole per poter operare, ovvero deve contenere al suo interno titoli azionari che a loro volta rispettano questi criteri:

  • Almeno il 75% del proprio patrimonio deve essere investito in immobili
  • Almeno il 75% dei rendimenti deve provenire da affitti, vendite o interessi sui mutui
  • Il 90% del reddito imponibile deve andare agli azionisti sotto forma di dividendo
  • Il 50% delle azioni non deve essere detenuto da meno di cinque azionisti

ETF Real Estate: vantaggi e svantaggi

Investire in ETF REIT rappresenta senza ombra di dubbio un’opportunità per l’investitore, soprattutto per colui che possiede una discreta quantità di capitale liquido, questo perché rispetto al classico investimento nel Real Estate, investire negli ETF immobiliari porta una lunga serie di vantaggi, anche se c’è da considerare che come ogni altro strumento finanziario i REIT presentano anche degli svantaggi da valutare attentamente, vediamo quali sono.

Pro 👍🏻

  • Accesso al mercato immobiliare anche con capitali bassi, cosa non fattibile nel Real Estate
  • Diversificazione a livello geografico e di tipologia di immobile, con grandi vantaggi in termini di gestione del rischio
  • Possibilità di investire in immobili altrimenti inaccessibili ai più (strutture ricettive, healthcare, commerciali, ecc)
  • Capitale facilmente svincolabile, basta immettere un ordine di vendita a mercato aperto e attendere l’acquisto di una controparte
  • Miglior gestione dell’investimento, in quanto chi gestisce tali società è organizzato e si occupa a 360° della gestione degli immobili
  • Fiscalità agevolata, perché molto spesso le aziende presenti negli ETF REIT hanno sede in Paesi a tassazione agevolata
  • Niente burocrazia e scartoffie, perché tutto ciò che riguarda questo aspetto viene gestito dalle società operanti in tal settore
  • Alcuni ETF immobiliari offrono ottimi dividendi, strumenti perfetti (in ottica di diversificazione) per chi cerca rendimento da capitale

Contro 👎🏻

  • Alta volatilità tipica degli investimenti sui mercati finanziari, sia al rialzo che al ribasso
  • Gli ETF REITs sono molto correlati, al contrario di quanto si pensa, allo stock market tradizionale
  • Se si detengono già altri ETFs, ad esempio sull’azionario globale, potresti già essere esposto su dei REITs
  • Rischio legato alla componente estremamente settoriale dell’investimento
  • Non molto adatti a chi cerca di far accrescere il proprio capitale, la maggior parte di essi sono a distribuzione

Migliori ETF immobiliare: lista, analisi e quotazioni

Come anticipato nell’introduzione, per soddisfare le esigenze di tutti i nostri lettori abbiamo deciso di includere nella nostra lista degli ETF immobiliari sul mercato globale, su quello statunitense, europeo e asiatico, così ognuno potrà scegliere l’area geografica in cui desidera maggiormente investire, nello specifico per la nostra lista dei migliori ETF REIT Borsa Italiana abbiamo scelto:

  • iShares Developed Markets Property Yield UCITS ETF USD Dist
  • VanEck Vectors Global Real Estate UCITS ETF
  • iShares European Property Yield UCITS ETF EUR Dist
  • iShares US Property Yield UCITS ETF USD (Dist)
  • iShares Asia Property Yield UCITS ETF USD Dist

Tutti gli ETF presenti in questo elenco sono a distribuzione, in quanto è la politica sui dividendi preferita da chi cerca un investimento immobiliare, dal quale vuole estrarre del flusso di cassa periodico, inoltre sono stati selezionati su diversi ETF per la loro grande dimensione, il costo annuale contenuto e la popolarità degli emittenti, in questo caso iShares e VanEck, due dei più grandi gestori di ETF al mondo.


GIF BANNER ITALY 728x90

Ann. / capitale a rischio


iShares Developed Markets Property Yield UCITS ETF USD Dist

ISIN: IE00B1FZS350 / Ticker: IWDP

Il primo di cui vogliamo parlarvi è un ETF immobiliare globale, ovvero iShares Developed Markets Property Yield UCITS ETF USD Dist, che investe in aziende quotate dei Paesi sviluppati di tutto il mondo esposte nel settore del Real Estate, con forte orientamento al reddito e pertanto selezionate con criteri basati sui rendimenti da dividendo (>2% all’anno previsto).

Il fondo ha come benchmark l’indice FTSE EPRA/NAREIT Global Dividend+ Index, che cerca di replicare in maniera fisica e con strategia long, offrendo all’investitore un’esposizione sulle aziende contenute al suo interno.

Questo ETF REIT globale, quotato in dollari e domiciliato in Irlanda, è nato nel 2006 e ad oggi gestisce un patrimonio di circa 2 miliardi USD. Il suo costo annuale è dello 0,59% e ha una politica di distribuzione dei dividendi che viene eseguita trimestralmente.

Al suo interno troviamo oltre 300 aziende impegnate nel settore immobiliare retail, residenziale, relativo a uffici, hotel e altre tipologie di strutture nelle seguenti aree geografiche: Stati Uniti, Giappone, Hong Kong, diversi stati europei, Regno Unito, Canada e Singapore.

Disponibile per l’acquisto su diverse borse internazionali ed europee, tra cui quella italiana, tra le prime holdings troviamo:

  • Public Storage REIT
  • Simon Property Group REIT Inc
  • Vonovia SE
  • Digital Realty Trust REIT Inc
  • Realty Income REIT Corp

VanEck Vectors Global Real Estate UCITS ETF

ISIN: NL0009690239 / Ticker: TRET

Passiamo al secondo degli ETF immobiliari globali presenti su Borsa Italiana, ovvero VanEck Vectors Global Real Estate UCITS ETF, un fondo REIT che investe nei primi 100 titoli azionari immobiliari globali dal potenziale reddito regolare, con una forte componente ESG e dal costo decisamente allettante.

L’ETF Real Estate mondiale di VanEck ha come benchmark di riferimento l’indice sull’immobiliare GPR Global 100 Index, il quale copre circa il 70-80% dell’intera capitalizzazione di mercato globale in riferimento al settore Real Estate. VanEck, con il suo ETF, intende replicarlo in maniera fisica e con strategia long, offrendo all’investitore un’ottima soluzione per investire in REIT.

Questo fondo, quotato in euro e domiciliato in Olanda, è stato lanciato nel 2011 e ad oggi gestisce un patrimonio di oltre 500 milioni di dollari, il costo è interessante perché tra i più bassi della categoria, infatti ha un TER pari allo 0,25% annuo. La politica sui dividendi è a distribuzione, che avviene ogni trimestre.

VanEck Vectors Global Real Estate UCITS ETF è un ETF immobiliare sostenibile (in quanto il suo indice di riferimento filtra i titoli per criteri ESG) che contiene titoli azionari immobiliari di Stati Uniti, Giappone, Germania, Regno Unito, Australia e Cina, e di seguito mostriamo i primi cinque componenti in ordine di peso al momento della stesura di questo articolo:

  • Prologis Inc
  • Public Storage
  • Digital Realty Trust Inc
  • Simon Property Group Inc
  • Welltower Inc

👉🏻 Scopri anche: ETF MSCI World

iShares European Property Yield UCITS ETF EUR Dist

ISIN: IE00B0M63284 / Ticker: IPRP

Passiamo ora col parlare di un ETF immobiliare sull’Europa, si tratta di iShares European Property Yield UCITS ETF EUR Dist ed è un ETF REIT europeo il cui obiettivo è quello di offrire all’investitore, attraverso la replica fisica dell’indice FTSE EPRA/NAREIT Europe ex UK Dividend+ Index, un’esposizione sul mercato immobiliare dei Paesi europei sviluppati, escluso il Regno Unito, che soddisfano determinati requisiti di rendimento.

Si tratta di un ETF REIT sull’Europa nato nel 2005, quotato in euro e domiciliato in Irlanda, che ad oggi gestisce circa 1 miliardo e mezzo di EUR da investitori disposti a pagare un costo TER dello 0,40% per ottenere un’esposizione su di esso. La politica sui dividendi è a distribuzione trimestrale.

Le aziende in cui investe sono impegnate a loro volta nel settore immobiliare di uffici, retail e residenziale e gli Stati che hanno maggior peso in portafoglio sono Germania, Svezia, Belgio, Svizzera e Francia. Di seguito i primi componenti per esposizione nel fondo:

  • Vonovia SE
  • Leg Immobilien N
  • Swiss Prime Site AG
  • Aroundtown SA
  • Gecina SA

In totale l’ETF immobiliare Europa iShares possiede circa 50 partecipazioni e il dividend yield è pari al 2,07% secondo quanto si evince dalla scheda informativa fornita dal gestore.

👉🏻 Scopri anche: ETF Europa

iShares US Property Yield UCITS ETF USD (Dist)

ISIN: IE00B1FZSF77 / Ticker: IUSP

Per chi fosse interessato a un ETF immobiliare USA c’è iShares US Property Yield UCITS ETF USD (Dist), un fondo che mira a replicare l’andamento dell’indice FTSE EPRA/NAREIT United States Dividend+ Index in maniera fisica ed offre un’esposizione lunga su società quotate degli Stati Uniti impegnate nel settore del Real Estate che hanno un dividendo previsto o superiore del 2%/anno, quindi con un forte criterio di selezione basato sul reddito.

Questo ETF ha partecipazioni in circa 90 aziende statunitensi, è stato lanciato nel 2006, è quotato in dollari e ha domiciliazione fiscale in Irlanda. Al giorno d’oggi l’ETF REIT USA iShares gestisce un capitale di oltre 750 milioni USD, ha un costo annuo TER dello 0,40% e prevede la distribuzione dei dividendi trimestralmente.

Tra i settori dell’immobiliare in cui investe maggiormente ci sono quelli relativi ai REITs retail, residenziali, di uffici e hotel e i primi componenti dell’ETF sono:

  • Public Storage REIT
  • Simon Property Group REIT Inc
  • Digital Realty Trust REIT Inc
  • Realty Income REIT Corp
  • Welltower Inc

👉🏻 Scopri anche: ETF S&P 500

iShares Asia Property Yield UCITS ETF USD Dist

ISIN: IE00B1FZS244 / Ticker: IASP

Veniamo ora all’ultimo fondo di cui vogliamo parlarvi in questo articolo, che è iShares Asia Property Yield UCITS ETF USD Dist, un ETF immobiliare Asia che intende tracciare l’andamento di FTSE EPRA/NAREIT Asia Dividend+ Index, offrendo all’investitore esposizione lunga su società quotate asiatiche operanti nel Real Estate, filtrate su criteri basati sul reddito grazie ai quali vengono incluse soltanto aziende con rendimenti elevati da dividendo (idealmente superiori al 2%).

Questo ETF REIT asiatico, quotato in dollari americani e con domicilio fiscale in Irlanda, è stato lanciato nel 2006, è a replica fisica, ha un costo di gestione dello 0,59% e gestisce un capitale di circa 450 milioni di USD. I dividendi sono a distribuzione, che è prevista trimestralmente e il dividend yield è molto interessante, si aggira sul 3% annuo.

L’ETF REIT Asia di iShares investe in retail, uffici, residenziale e strutture ricettive presenti in vari Paesi asiatici e del Pacifico come Giappone in primis, poi Hong Kong, Australia, Singapore e Nuova Zelanda e più nello specifico possiede partecipazioni in circa 120 società, tra cui le più importanti:

  • Link Real Estate Investment Trust
  • Sun Hung Kai Properties Ltd
  • Mitsubishi Estate Co Ltd
  • CK Asset Holdings Ltd
  • Scentre Group

👉🏻 Scopri anche: ETF Asia


GIF BANNER ITALY 728x90

Ann. / capitale a rischio


Migliori ETF REIT a confronto

etf reit
I migliori ETF REIT (immobiliare) a confronto

Ora che avrai sicuramente le idee più chiare sui singoli ETF che ti abbiamo presentato e descritto ti starai sicuramente chiedendo quale sia il miglior ETF immobiliare su cui investire, ma la risposta può essere diversa in base a diversi parametri da prendere in considerazione come:

  • L’area geografica in cui si desidera investire
  • Le proprie preferenze su gestori ed ETF
  • Dividend Yield e frequenza distribuzione

Ci spieghiamo meglio…

Per area geografica naturalmente intendiamo i Paesi in cui l’investitore vuole concentrare il suo investimento, chi vorrà investire sul mercato immobiliare mondiale sceglierà degli ETF REIT globali, chi invece desidera esporsi in un’area geografica ben precisa dovrà scegliere tra USA, Europa e Asia-Pacifico.

Per proprie preferenze intendiamo grandezza, longevità e costo dell’ETF, idealmente bisogna trovare un fondo che abbia un equilibrio tra capitale in gestione (quanto più è elevato e meglio è per non rischiare liquidazione o fusione), longevità (in modo da poter analizzare più dati storici relativi all’ETF e verificarne la capacità di replicare l’andamento del suo benchmark, nonché l’entità dei dividendi pagati) e infine costo, in questo caso dovremmo essere tutti d’accordo che più basso è e meglio è (ma attenzione a costi troppo bassi, potrebbero essere il risultato di un ETF a replica sintetica).

Continuando con le preferenze troviamo la valuta del fondo, c’è chi preferisce il dollaro per diversificare e chi l’euro per non andare incontro al rischio cambio e il tipo di replica che idealmente è da preferire fisica (la replica sintetica non è un male, soprattutto per investire in azioni esotiche, tuttavia va considerato il fatto che in tal caso l’ETF non possiede il sottostante ma dei contratti derivati).

Quanto allo Yield, naturalmente l’investitore sarà alla ricerca del dividendo più alto (tramite High Yield REIT ETF), anche se questo dato non è sempre così facile da reperire, ma basterà dare un occhio allo storico per capire all’incirca a quanto possono ammontare i dividendi. Collegato al discorso dividendi c’è anche la frequenza di distribuzione, scegline una tanto più frequente quanto il tuo bisogno di ottenere cashflow costante.

Comunque, per semplificarti le cose abbiamo deciso di preparare una tabella con il confronto dei migliori ETF immobiliari con dividendi, in questo modo hai i dati più importanti di ciascun fondo a portata di mano e puoi trarre le tue considerazioni:

Nome ETFDividen YieldISINAUM*TER annuoAnno quotazioneValutaDividendiReplica
iShares Developed Markets Property Yield UCITS ETF USD Dist2,21%IE00B1FZS350~ $ 2.000.000.0000,59%2006USDDistribuzione trimestraleFisica
VanEck Vectors Global Real Estate UCITS ETFNDNL0009690239~ € 500.000.0000,25%2011EURDistribuzione trimestraleFisica
iShares European Property Yield UCITS ETF EUR Dist2,07%IE00B0M63284~ € 1.600.000.0000,40%2005EURDistribuzione trimestraleFisica
iShares US Property Yield UCITS ETF USD (Dist)2,12%IE00B1FZSF77~ $ 750.000.0000,40%2006USDDistribuzione trimestraleFisica
iShares Asia Property Yield UCITS ETF USD Dist3,07%IE00B1FZS244~ $ 450.000.0000,59%2006USDDistribuzione trimestraleFisica

*Dati aggiornati al 31/12/2021 (ultima data disponibile)

Dove comprare ETF immobiliari su Borsa Italiana

Se vuoi acquistare ETF REIT su Borsa Italiana puoi avvalerti di broker o banche regolamentati, tra le varie proposte noi siamo dell’idea che tra quelli più interessanti c’è DEGIRO, che offre un’ampia gamma di strumenti, tra cui ETF, a commissioni veramente basse e talvolta a zero.



✔️ Zero costi di tenuta conto
✔️ Ampia scelta di ETF europei
✔️ 200 ETF senza commissioni*
✔️ Commissioni basse

👉🏻 Recensione su DEGIRO

👉🏻 ETF gratis su DEGIRO



Investire comporta rischi di perdite
*Si applicano condizioni

Dove comprare ETF immobiliari USA (non UCITS)

Per chi è alla ricerca di ETF immobiliari americani, magari per fare dei trade speculativi e considerando che essi non sono conformi alla normativa UCITS europea, può prendere in considerazione il broker eToro, all’interno del quale potrà trovare i seguenti ETF RETIT USA:

  • Real Estate Select Sector SPDR (XLRE)
  • Vanguard Real Estate ETF (VNQ)
  • iShares U.S. Real Estate ETF (IYR)
  • iShares Core U.S. REIT ETF (USRT)
  • iShares Global REIT ETF (REET)

Con questo broker avrai la possibilità di esercitarti prima con un conto demo ed eventualmente, previo minimo deposito, potrai copiare le mosse dei trader più bravi presenti sulla piattaforma N°1 di social trading: eToro. Un’ottima soluzione per chi è alle prime armi nel mondo degli investimenti.



✔️ Zero costi di tenuta conto
✔️ Trovi ETF internazionali
✔️ Nessuna commissione sugli ETF
✔️ Leva e short con i CFD*

👉🏻 Recensione su eToro

👉🏻 Tutto sugli ETF di eToro


Investire comporta rischi di perdite
*eToro è una piattaforma multi-asset che include anche investimenti in azioni e criptovalute, oltre al trading di CFD.
Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e che sfruttarli comporta il rischio di perdere denaro rapidamente. Il 68% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Devi valutare se comprendi come funzionano i CFD e se vuoi correre l’elevato rischio di perdere denaro.
La performance passata non è un’indicazione per prevedere performance future. La cronologia di trading mostrata è inferiore a 5 anni completi e potrebbe non essere sufficiente come base per una decisione di investimento.
Copy Trading è un servizio di gestione del portafoglio fornito da eToro (Europe) Ltd., autorizzato e regolamentato dalla Cyprus Securities and Exchange Commission.
Le criptovalute sono strumenti volatili che possono fluttuare notevolmente in un tempo molto breve e quindi non sono adatti a tutti gli investitori. A differenza dei CFD, il trading di criptovalute non è regolamentato e quindi non è monitorato da alcun quadro normativo dell’UE.

Chi invece volesse utilizzare una piattaforma all’interno della quale potrà trovare veramente di tutto (compresi sia gli ETF immobiliari che abbiamo analizzato, sia quelli americani che abbiamo visto poco fa e molti altri) dovrebbe dare un’occhiata a Freedom24, la piattaforma proprietaria di Freedom Finance, l’unico broker UE quotato al Nasdaq che permette di acquistare nuove azioni al prezzo IPO ad utenti retail e la possibilità di investire e fare trading su migliaia di strumenti in tutto il mondo.



✔️ Acquisto di nuove azioni al prezzo di IPO
✔️ Oltre 1500 ETF internazionali
✔️ Azioni, ETF, obbligazioni, opzioni e futures
✔️ Regolato in Europa dalla CySec

Freedom Finance è un broker europeo la cui holding è quotata al Nasdaq!

👉🏻 Recensione su Freedom24



Investire in securities e altri strumenti finanziari comporta sempre il rischio di perdere capitale

L'acquisto di nuove azioni al prezzo di IPO può essere soggetto a ulteriori restrizioni.

Domande frequenti ETF mercato immobiliare

Come investire nei REITs?

Per investire nei REITs in maniera diversificata, trasparente, a basso costo e in maniera facilmente accessibile si possono utilizzare gli ETF immobiliari o ETF REIT, dei fondi quotati in borsa che investono su un paniere di società SIIQ (Società di Investimento Immobiliare Quotate) offrendo all’investitore un’esposizione sul mercato immobiliare.

ETF REIT vs Real Estate: qual è il miglior investimento?

Investire in ETF REIT ti permette di diversificare l’investimento, abbattere costi e burocrazia e accedere a opportunità immobiliari altrimenti impossibili per un retail nel mercato immobiliare classico, che tra l’altro presenta molti rischi e criticità in più, a partire dal grande capitale richiesto per operare, passando per i costi legati alla burocrazia e alla fiscalità, fino ai limiti geografici.

Com’è la tassazione sugli ETF REIT?

La tassazione sugli ETF REIT va discussa assieme ad un commercialista perché le imposte da pagare sono variabili da individuo a individuo e in base al tipo di ETF. Le variabili in gioco sono molte, ad esempio chi opera come privato avrà una tassazione diversa da chi opera come impresa e ancora, chi investe in ETF immobiliari con dividendo che generano flussi di cassa costanti dovrà pagare tasse differenti da chi investe in ETF immobiliari no dividendo, i quali generano plusvalenza soltanto alla vendita.

I REIT sono un buon investimento?

In ottica di diversificazione sicuramente sì, avere nel proprio portafoglio una fetta di immobiliare può essere una buona scelta a patto di entrare in un momento favorevole del mercato, tuttavia tieni presente che per la loro natura “da dividendo” sono molto più indicati a chi ha già discreti capitali da mettere a rendita piuttosto che a coloro che devono far accrescere una piccola quantità di risparmi, a questi ultimi molto probabilmente si adatteranno meglio altri prodotti e in caso di dubbi ti invitiamo a rivolgerti a consulente finanziario.

Posso investire in ETF REIT sostenibili?


Certo, questo ETF immobiliare, ad esempio, investe in società filtrate per criteri di sostenibilità:

– BNP PARIBAS EASY FTSE EPRA Nareit Developed Europe ex UK Green UCITS ETF
(LU2008763935 / GREAL)

👉🏻 Scopri anche: ETF sostenibili

Quali sono gli ETF REITs americani non UCITS?


Questi sono alcuni dei più importanti ETF immobiliari americani che non sono disponibili sulle borse europee, ma soltanto su quelle statunitensi:

– Real Estate Select Sector SPDR (XLRE)
– Vanguard Real Estate ETF (VNQ)
– iShares U.S. Real Estate ETF (IYR)
– iShares Core U.S. REIT ETF (USRT)
– iShares Global REIT ETF (REET)

Esistono ETF REIT ad accumulazione?


, esisono ETF immobiliari ad accumulazione e sono i seguenti:

– BNP PARIBAS EASY FTSE EPRA Nareit Developed Europe ex UK Green UCITS ETF
(LU2008763935 / GREAL)
– Xtrackers FTSE EPRA/NAREIT Developed Europe Real Estate UCITS ETF 1C
(LU0489337690 / XDER)
– Amundi ETF FTSE EPRA NAREIT Global UCITS ETF DR
(LU1437018838 / EPRA)
– BNP Paribas Easy FTSE EPRA/NAREIT Eurozone Capped UCITS ETF
(LU0950381748 / EEA)
– Invesco US Real Estate Sector UCITS ETF
(IE00BYM8JD58 / XRES)
– Amundi FTSE EPRA Europe Real Estate UCITS ETF EUR (C)
(LU1681039480 / EPRE)

Non abbiamo voluto inserirli nella nostra lista dei migliori ETF immobiliari in quanto poco ricercati dagli investitori, ne sono la prova i loro numeri a riguardo le masse in gestione, veramente molto bassi.

Esistono ETF REITs con dividendo mensile?

No, i dividendi generalmente vengono distribuiti trimestralmente o semestralmente, qualche ETF li distribuisce addirittura ogni dodici mesi, tuttavia investendo in più ETF immobiliari aventi scadenze diverse, si può facilmente comporre un portafoglio con dividendo mensile derivante da ETF immobiliari.

Esistono ETF immobiliari Italia?

Durante la nostra ricerca non è emerso alcun ETF REIT sull’Italia, ma anche se fosse esistito non l’avremmo inserito nella nostra lista in quanto, ad eccezione di Milano e poche altre grosse città del Bel Paese, il mercato immobiliare italiano non è molto interessante, secondo il nostro parere, infatti negli ultimi anni ha subito grossi cali.

Esistono ETF REIT short e/o e leva?

, esistono ma sono fondi americani e nella maggior parte dei casi non acquistabili da investitori italiani, oltretutto si tratta di strumenti a rischio elevatissimo in quanto fortemente speculativi, da cui stare alla larga se non si hanno le competenze necessarie.

Conclusioni

In questo articolo ti abbiamo presentato i migliori ETF mercato immobiliare per investire nei REITs, società che offrono agli investitori un’esposizione diversificata su un’ampia varietà di immobili, in diversi Paesi. I vantaggi nell’investire in ETF immobiliari rispetto al mercato Real Estate tradizionale sono innegabili, tuttavia considera che si tratta pur sempre di un investimento sui mercati finanziari e in quanto tale presenta, oltre che a delle opportunità, anche dei rischi di perdita del capitale, perciò fai le dovute ricerche prima di impiegare i tuoi soldi e ricorda che ciò che hai letto in questo articolo ha il solo scopo di informare e non costituisce assolutamente un consiglio o un invito ad investire.

Consulenza finanziaria

Se per i tuoi investimenti vuoi essere affiancato da esperti del settore, ti consigliamo di dare un’occhiata ai servizi offerti da Moneyfarm, società di consulenza finanziaria e servizio Robo Advisor tra i migliori, secondo il nostro parere. Grazie a loro potrai avere una consulenza con un professionista e comporre il tuo portafoglio diversificato in ETF secondo i tuoi obiettivi e profilo di rischio.



✔️ Società di consulenza finanziaria
✔️ Investimenti personalizzati (ETF)
✔️ Costi di gestione bassi
✔️ Team di professionisti dedicato
✔️ Regolata Banca d'Italia e vigilata Consob

👉🏻 Recensione su Moneyfarm

Argomenti correlati